unisa ITA  unisa ENG


CISL

Lettera aperta 6 maggio 2015

 

Aeroporto di Salerno: Tante parole in libertà


COINCIDENZA? FORTUNA? BRAVURA?
 

 

Quando  giovani e lavoratori si mobilitano, crescono Territori e Comunità e le buone notizie non sono frutto di miracoli ma di impegno. La Cisl coltiva una sola parola: Democrazia!

 

Il ministro dell'Economia Piercarlo Padoan ha apposto la sua firma al decreto che registra lo stanziamento di 40 milioni per l'allungamento della pista dell'aeroporto «Salerno-Costa d'Amalfi» di Pontecagnano. Il finanziamento, che era già stato inserito nel decreto «Sblocca Italia», adesso diventa esecutivo perché la società aeroportuale ha presentato il progetto esecutivo dell'opera. Il prossimo traguardo sarà l'apertura del cantiere che si prevede entro quest'anno.

Una buona notizia? Ottima! Tante, però, le parole che si sprecano o si utilizzano in maniera improvvida: Enti, Istituzioni, "politica politicante", associazioni imprenditoriali e di categoria oggi fanno a gara per accreditarsi il risultato. Quella dell'aeroporto «Salerno-Costa d'Amalfi» è stata storicamente considerata dalla CISL di Salerno una vicenda  plurale e collettiva, su cui ha investito progetto e mobilitazione politico-sindacale avente per obiettivo lo sviluppo e la crescita del nostro territorio.

 

Tante le "giacchette" che la Cisl ha dovuto tirare! Molte le pressioni, gli ammonimenti, le iniziative che la CISL ha messo in campo affinché si sbloccasse una situazione per certi versi allucinante.

 

Ultime (ma solo in ordine di tempo) il convegno del 20 aprile alla camera di Commercio di Salerno e la bella, straordinaria iniziativa del 28 aprile presso l'Ateneo di Salerno che ha registrato la partecipazione del Segretario Generale Regionale CISL Lina Lucci, l'intervento in videoconferenza del Segretario Nazionale Confederale Maurizio Petriccioli e la partecipazione di tantissimi giovani e lavoratori. Uno dei temi sollevati anzi centrale - guarda un po' - è stato proprio l'aeroporto (argomento citato specificatamente da Rita (studentessa di Vietri sul Mare) su cui si è sviluppata una mobilitazione "emergenziale" nel giro di poche ore (è proprio il caso di dire) dei vertici nazionali, regionali e provinciali della CISL presso il Ministero competente.

 

C'è solo una lezione da trarre: quando giovani e sindacato (che non sono dimensioni lontane tra loro) si impegnano e si mobilitano, i risultati arrivano.

La CISL, intanto e com'è giusto, continua a coltivare una sola parola: DEMOCRAZIA! 

 

Salerno, 06 maggio 2015


Federazione CISL Università
Ateneo di Salerno

 

 

Logo Cisl Provinciale News